Wellness Fitness Center | “Esercizio fisico: almeno 5 volte a settimana, 3 non bastano” (da La Repubblica.it)
15638
post-template-default,single,single-post,postid-15638,single-format-quote,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

“Esercizio fisico: almeno 5 volte a settimana, 3 non bastano” (da La Repubblica.it)

— “Esercizio fisico: almeno 5 volte a settimana, 3 non bastano” (da La Repubblica.it)

TUTTI vogliamo essere in forma e liberarci del grasso in eccesso. Come fare però, per trovare la routine più adatta per noi ed evitare allenamenti estenuanti e poco realistici? È fin troppo facile imbattersi in consigli che non tengono conto di cosa può realisticamente dare il nostro corpo quando si chiedono consigli sul fitness. Molte delle opinioni di cosiddetti “esperti” contribuiscono a dare un’immagine non realistica dei risultati che potremmo raggiungere. Questo porta sicuramente a frustrazione e qualche volta può anche indurci a mettere eccessivamente sotto sforzo il nostro organismo. Ci sono alcuni falsi miti che vale la pena sfatare.

LEGGI – Sport e disabilità, lo studio Istat: “Migliora la percezione della qualità della vita”?

Almeno 4 volte a settimana

Qualcuno di noi sembra essere convinto che per restare in forma non si debba fare attività fisica per più di un paio di giorni alla settimana. Se è vero che anche gli allenamenti dei professionisti prevedono un giorno di riposo settimanale, recenti studi hanno dimostrato che, un po’ come accade per i medicinali, la “dose” di attività fisica consigliata è dai 4 ai 5 giorni a settimana.

LEGGI – Dal sale all’alcol, le 5 mosse per una dieta sana

A tutte le ore

A fare il punto sulla situazione è il giornale Business insider . C’è chi afferma che le prime ore del mattino siano le migliori per allenarsi. Ma nonostante alcuni studi mettono in evidenza che anche le cellule muscolari hanno un picco di efficienza in alcune ore del giorno e non in altre, questo non implica che l’allenamento durante altri orari sia in qualche modo sprecato. Secondo gli autori della ricerca, “questi risultati non possono limitare gli orari dell’allenamento di un atleta, ma forse nel futuro potremmo essere in grado di sfruttare queste conoscenze per ottimizzare la funzione dei muscoli”.

Fisiologicamente parlando, il tessuto muscolare e quello adiposo sono composti da due tipi di cellule molto diverse tra loro e non è possibile che l’una si trasformi nell’altra.  Il grasso si accumula tra pelle e muscoli e avvolge gli organi interni come il cuore. Attraverso l’allenamento fisico si stimola la produzione di nuove cellule di tessuto muscolare. Mentre, per ridurre il grasso, il modo migliore è consumare alimenti sani come verdure e fibre e altri alimenti ricchi di proteine e poveri di grassi.

Mens sana in corpore sano

Nonostante sembri quasi incredibile, non è una bufala: fare sport migliora le capacità di ragionamento. La questione è capire quale tipo di attività porta i risultati più evidenti. Secondo l’analisi di quasi un centinaio di ricerche condotte sul tema, è stato osservato che l’attività aerobica, come camminare, ballare o andare in bicicletta, è quella più indicata per migliorare l’attenzione e la capacità di ragionamento.

LEGGI – Per la dieta dell’atleta corso di “cucina sportiva” con lo chef?

Più attivi per perdere peso

Il modo migliore per dimagrire è combinare l’attività fisica con una dieta su misura. Per cominciare a perdere peso è necessario modificare le proprie abitudini alimentari, non possiamo pretendere di bruciare quel pacchetto di patatine mangiato durante un attacco di fame notturno. Tra l’altro, secondo alcuni studi, le cellule del nostro corpo sono in grado di adattarsi allo sforzo a cui le sottoponiamo durante l’attività sportiva e cominciano ad aver bisogno di sempre meno energia per portare a termine quel un movimento. In un certo senso è questo quello che vuol dire “essere allenati”.

(da LaRepubblica.it)